Atene e Gerusalemme: vie del dialogo

Giovanni Grandi

Centro Studi Veneto «Jacques Maritain»Università degli Studi di Padova – Dipartimento di FilosofiaAccording to Sergej Averincev, «Athens and Jerusalem», mean «the contrast and the meeting of two creative principles». We have to read this two creative principles as the epiphany of different – and equally fundamental – human approaches to reality, not as two «stages» of a unique evolutionary movement of Culture, a movement in which the first principle – Jerusalem – would be the pre-history of the second one – Athens –. The Hebraic-christian universe is not the prehistory of the Greek universe. It is another...

Rivelazione e conoscenza in Jacques Maritain

Giovanni Grandi

Istituto Internazionale Jacques Maritain (Article from the symposium organized by International Institute Jacques Maritain, Trieste, in frame of Forum Orient-Occident in May 2004 in Rozzaco, Italy)L’intuizione dell’essere non è il culmine della sapienza filosofica, ma è la condizione indispensabile per giungervi; ed essa è proprio ciò che la ferita della nostra natura fa più o meno mancare[1].J. MaritainJacques Maritain non è un filosofo da aforismi; tuttavia una certa sobrietà nell’uso delle parole, unita ad una scelta mai distratta delle espressioni gli consentono alle...

Beginning of the things… …dell’inizio delle cose.

Giovanni Grandi

Lo scorrere del tempo è una delle cose più naturali della nostra esperienza; il tempo è complice nel dare il nome a ciò che conferisce a ciascuno un’identità come a ciò che ne rivela le profondità dello spirito: memoria e desiderio, vissuti e speranze, progetti, ideali… …passato e futuro.Spingere lo sguardo fino ai confini del tempo, ora per sondare l’Inizio delle cose, ora per prefigurarne il Compimento, significa sforzarsi di uscire da noi stessi, significa disporci ad assumere un punto di vista totalmente diverso, una prospettiva in cui passato e presente,...

Alterità del Cristianesimo: tre elementi, due ragioni e una particolarità

Giovanni Grandi

Il tema dell’alterità sembra avere un gran fascino di questi tempi. È un tema che in fin dei conti allude alla relazionalità ed all’incontro tra identità distinte, che avvertono tra loro una qualche differenza e che reagiscono a queste differenze ora con la curiosità e l’ascolto, ora con la violenza ed il rifiuto. L’aspetto dell’alterità che qui mi interessa è piuttosto specifico: investe l’ambito culturale dell’Occidente e quindi dell’Europa – che rappresenta uno dei volti dell’Occidente – ma riguarda in particolare la cristianità. Proverò a indicare...